Archivio tag: parcheggio

Ex-consorzio un anno dopo: #cambiaosimo?

L’abbiamo già scritto in passato: quella dell’ex-consorzio è una vicenda complessa. Temi come urbanismo, sviluppo economico, partecipazione, archeologia, architettura e giustizia si sovrappongono, generando complessità e spesso confusione.

Se un anno fa la vicenda era già complessa di suo, oggi dopo il sequestro del cantiere, le accuse della magistratura, la sentenza del TAR e le istanze di dissequestro, la situazione non è certo migliorata. Oltretutto, recentemente si è tornati a parlare di ricorsi e possibili richieste di risarcimento del costruttore, temi strettamenti giuridici di cui abbiamo preferito non occuparci, tanto per mancanza di competenze nel tema, quanto per la scarsità di informazioni a disposizione. Ci siamo fatti una nostra opinione, basata però su indiscrezioni o informazioni parziali: scrivere un articolo a riguardo sarebbe poco serio oltre che estraneo allo stile con cui abbiamo deciso di gestire il nostro gruppo.

Ci troviamo di fronte ad una situazione terribilmente intricata a cui ammettiamo non sarà facile trovare una soluzione. È bene però ricordare che questo è dovuto ad un’autorizzazione a costruire ed ad un PRG che hanno permesso tutto ciò. Autorizzazioni e PRG che non piovono dal cielo ma che bensì sono figlie di politiche urbanistiche a nostro avviso sbagliate, in cui Partecipazione, Territorio e Comunità sono parole relegate ad un secondo piano; le stesse politiche, si noti bene, applicate spesso anche altrove, in provincia e regione, a livello nazionale ed internazionale.

Ex-consorzio un anno dopo: la situazione archeologica, vecchi dubbi senza risposta e nuove domande

Anche la situazione archeologica è figlia di anni di politiche urbanistiche sbagliate: PRG redatti senza tener conto del rischio archeologico del Territorio, autorizzazioni a costruire rilasciate senza adeguate garanzie archeologiche, hanno generato danni in tutto il territorio italiano. Ritrovarsi con una chiesa paleocristiana nel parcheggio di un centro commerciale sarebbe solo un esempio locale delle possibili conseguenze di tali politiche.

5 torri la scopertaA questo va aggiunta poi la peculiarità con cui l’intera vicenda è stata raccontata nei media dalla giunta comunale allora in carica. In primo luogo il tono da “scoperta”, come se l’intero progetto fosse stato originariamente concepito come uno scavo archeologico e non come un progetto edile autorizzato a muovere cospicue quantità di un terreno notoriamente a rischio archeologico. In secondo luogo, il “mecenatismo” attribuito al costruttore, che invece ha per legge l’onere di tutelare il bene sottoposto a vincolo archeologico. Tutto questo condito da dichiarazioni su sinergie pubblico-privato, a nostro avviso francamente fuori luogo.

Ad ogni modo, dal punto di vista archeologico la situazione è rimasta stabile dal sequestro ad oggi: i resti della chiesa paleocristiana rimangono sotto la tettoia costruita a protezione temporanea e il suo destino, così come quello dei reperti ritrovati durante lo scavo, è tanto incerto almeno quanto quello del cantiere.

vista dettaglio area variante 2 con piantaRimangono intatti e senza risposta i dubbi espressi mesi fa in un nostro articolo circa il progetto di valorizzazione dell’area archeologica. Dubbi a cui bisogna inoltre aggiungere la consapevolezza che se il progetto proseguisse così com’è, con le stesse caratteristiche e la stessa cubatura, i margini di miglioramento sarebbero ben ridotti.
Oltre alla chiesa paleocristiana, è bene ricordare anche i numerosi reperti ritrovati durante lo scavo archeologico: tali reperti attualmente si trovano presso un magazzino di proprietà del costruttore e, se nulla dovesse cambiare, il loro destino è quello di finire in un magazzino della Soprintendenza. Per questo ci domandiamo:

  • L’amministrazione comunale prevede di farsi carico dei reperti ritrovati durante lo scavo archeologico? Senz’altro potrebbe essere trovata una sede temporanea più consona dell’attuale.
  • Sarà possibile organizzare una mostra per esporre alla Cittadinanza quanto rinvenuto?
  • I reperti andranno ad impreziosire la sezione archeologica del Museo Civico della Città?

Oltretutto, vista la generale situazione di incertezza che avvolge l’intera vicenda, ci chiediamo:

  • per quanto tempo ancora la chiesa paleocristiana potrà essere adeguatamente protetta da una tettoia progettata per una situazione temporanea?
  • tra i reperti ritrovati durante lo scavo archeologico c’è anche un muro in opera quadrata (ovvero simile alle mura romane d’Osimo) smontato in attesa di essere rimontato nel centro commerciale. Che ne sarà di questo reperto se il cantiere non dovesse proseguire?

Ex-consorzio un anno dopo: #cambiaosimo?

Un anno fa parlavamo di un’amministrazione comunale sorda all’interesse della cittadinanza verso i ritrovamenti presso l’ex-consorzio. Un anno fa criticavamo un’amministrazione comunale che, anzichè rispondere alla domanda di partecipazione che veniva dalla comunità, preferiva decidere il futuro dell’area senza alcun coinvolgimento pubblico. Un anno fa l’amministrazione, anzichè presentare il progetto di tutela e valorizzazione dell’area in un incontro pubblico, decideva di ignorare l’evento e presentarsi direttamente ai media descrivendo il progetto come la migliore delle soluzioni possibili, nonchè l’unica.

Dopo una campagna elettorale vinta parlando di partecipazione e cambiamento, oggi Osimo ha un nuovo governo. Trarre conclusioni dopo poco più di 100 giorni di attività è ancora affrettato, dibattito ex consorziotuttavia a nostro avviso la vicenda ex-consorzio rappresenterà il banco di prova su cui si misurerà il cambiamento che questa nuova amministrazione vorrà portare.
La situazione è complessa? Ci sono decisioni difficili da prendere? Si inizi, perlomeno, rendendo la Cittadinanza partecipe spiegandole i dettagli. Presentarsi ancora una volta a decisioni già prese ed irrevocabili, perdipiù se davanti media e non di fronte alla cittadinanza, sarebbe solo la prova della continuità con l’amministrazione precendente.

“cambiamento” è una parola tanto ampia quanto, possibilmente, vuota: cambiare persone e parole d’ordine senza cambiare i meccanismi fondamentali con cui si gestiscono vicende complesse ed importanti come quella dell’ex-consorzio, significa cambiare ben poco.

Il PD e Pugnaloni un anno fa decidevano di “abbandonare” la vicenda evitando qualsiasi dichiarazione sul tema. Ora che il PD è maggioranza e Pugnaloni è Sindaco, il silenzio sulla vicenda inizia a farsi sempre più assordante: crediamo che continuare a far finta di nulla significherebbe seguire con la stessa politica della giunta precedente.

Al nuovo sindaco Pugnaloni ed al PD l’onere di dimostrare che #cambiaosimo sia qualcosa di più profondo di un hashtag, di una campagna comunicativa di successo e di una trovata per vincere le elezioni.

Campetto dei Frati: il dejavù dell’archeologia nel parcheggio

Il nostro gruppo è nato lo scorso Settembre sotto la spinta delle notizie dei ritrovamenti archeologici presso l’area ex-consorzio e fino ad oggi ci siamo dedicati esclusivamente a questa vicenda. Il nome #salviamolastoriadiosimo, però, è stato scelto pensando ad un impegno più ampio verso la storia ed i beni culturali rispetto alla sola vicenda allora strettamente di attualità. L’occasione per questo articolo, non legato direttamente all’ex-consorzio, ci è stata offerta dall’assemblea cittadina aperta che si terra il prossimo 2 di Marzo, presso il chiostro del Santuario di San Giuseppe da Copertino. L’idea dell’evento è quella di provare a co-progettare l’utilizzo di alcuni spazi pubblici. Tra questi, in particolare, il cosiddetto “Campetto dei Frati”, terreno di cui si parla da anni per realizzare un nuovo maxi-parcheggio. A beneficio di chi non fosse informato, vogliamo descrivere brevemente il più recente progetto di parcheggio reso noto dal Comune ed esporre alcune considerazioni sull’aspetto archeologico della vicenda, a nostro avviso non sufficientemente sottolineato ma assolutamente centrale data la posizione e la natura nel terreno.

Un parcheggio nel “Campetto dei Frati”: un’idea ricorrente

L’idea di realizzare un parcheggio nel “Campetto dei Frati” circola ormai da molti anni: già nel 2005 l’amministrazione Latini annunciava che per l’area era prevista la costruzione di nuovo parcheggio con uscita in via Fonte Magna, a totale carico dei privati tramite un’operazione di project financing. Ogni anno il progetto del parcheggio viene rilanciato e nel 2008 si annuncia la prossima istituzione del bando per l’individuazione della società che costruirà e avrà in concessione la gestione dell’impianto, annuncio che cade però nel vuoto. Il progetto sembra stagnare a tal punto che quando nel 2010 il Comune si trova in difficoltà con la situazione della scuola elementare Bruno da Osimo, si prospetta di costruirvi un plesso scolastico. Il progetto del parcheggio al campetto dei frati viene poi riproposto nel gennaio 2011 insieme ad altri 3 ipotesi per la realizzazione di un nuovo parcheggio a servizio del centro storico. Nel 2012 si passa dal project financing a una vendita vera e propria,  dato che il terreno viene inserito nel piano delle alienazioni insieme al mercato coperto e l’ex-cinema Concerto, con la condizione che l’acquirente realizzi il parcheggio. Dopo varie aste pubbliche andate deserte [5] [6], il terreno non sembra, al momento, aver trovato acquirenti interessati.

Il progetto preliminare redatto dall’Ufficio tecnico comunale

Il 29 Agosto 2012, il consiglio comunale approva la delibera con cui si aggiunge il terreno del campetto dei frati al piano delle alienazioni [3] [4]. Nell’atto del consiglio comunale si legge che:

  • l’acquirente dovrà realizzare nell’area in questione un parcheggio in parte privato ed in parte pubblico ed avrà la gestione della parte di uso pubblico;
  • l’acquirente dovrà realizzare con accesso carrabile il collegamento tra il parcheggio di via Fontemagna seguendo il progetto preliminare redatto dall’Ufficio tecnico comunale e approvato dalla competente Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici;

(dall’atto CC n.64 del 29-08-2012, vedi [2] )

Analizzando il materiale a disposizione nel sito del Comune, il progetto preliminare a cui fa riferimento l’atto comunale sembrerebbe una delle 4 proposte di un nuovo parcheggio nei pressi del centro storico presentate nel 2011. Come illustra il dossier disponibile sul sito del Comune [1], la struttura ospiterebbe 210 posti auto + 46 Box, articolandosi su tre livelli di parcheggio e impegnando una superficie lorda di ingombro di circa 3.000 mq. Non ci soffermiamo in questa sede sull’impatto paesaggistico del progetto. Facciamo però notare che allegato al dossier vi è il parere della la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici che esprimeva forti perplessità, pur essendo “in linea di massima favorevole” alla fattibilità dell’intervento. A tal proposito vorremmo anche conoscere quale parere ha espresso in merito la Soprintendenza per i Beni Archeologici, dato che per lavori di tale entità in un terreno a rischio archeologico dovrebbe essere senz’altro stata interpellata.

Parcheggio campetto dei frati - contesto 1Parcheggio campetto dei frati - simulazione progetto 2Parcheggio campetto dei frati - simulazione progetto 4

 

Parcheggio campetto dei frati - rendering 4Parcheggio campetto dei frati - rendering 3Parcheggio campetto dei frati - pianta parcheggio I livello

 

Considerazione 1: il rischio archeologico del progetto è molto alto

Il “Campetto dei Frati” è un ampio tratto di terreno pianeggiante situato proprio a ridosso di Fonte Magna (il bellissimo ninfeo monumentale realizzato tra I sec. a.C. e I sec. d.C.) e delle mura romane. edOltre alla normale stratificazione archeologica (sulla scarpata prospiciente il terreno affiorano chiaramente frammenti di ceramica romana e medievale) è ipotizzabile anche la presenza di strutture sepolte. Le immagini qui sopra mostrano l’area del campetto ed una simulazione di  come la pianta del parcheggio vi si potrebbe inserire, Fonte Magna è stata evidenziata in giallo.
Le immagini qui sotto dimostrano invece il grande volume di terra che verrà movimentata dall’eventuale cantiere. Nella prima immagine a sinistra è possibile osservare come la superficie del parcheggio sia  quasi paragonabile a quella dell’attuale maxi parcheggio, del campo sportivo o dell’area ex consorzio. La seconda immagine illustra invece come il progetto prevedaParcheggio campetto dei frati - vista osimo comparativa Parcheggio campetto dei frati - sezione progetto A-Alo sbancamento di circa 30 metri di dislivello sul fianco della collina e, in corrispondenza del campetto, si raggiungerebbe una profondità di ben 11 metri al di sotto dell’attuale livello del terreno.
Date le caratteristiche dell’area e del progetto, riteniamo che il rischio archeologico legato all’opera sia molto alto: la probabilità che il campetto dei frati nasconda reperti e strutture archeologiche è elevata e, qualora quest’ipotesi fosse accertata, non c’è dubbio che il cantiere si imbatterebbe nei reperti.

Considerazione 2: il progetto sembra predisposto per riprodurre la stessa situazione dell’ex-consorzio

A nostro avviso il progetto sembra avere tutte le caratteristiche per riproporre la stessa situazione della vicenda ex-consorzio. Memori dell’esperienza, vogliamo sottolineare alcuni concetti affinché non si ripetano gli stessi errori e le stesse polemiche:

  • il controllo archeologico dovrebbe essere presente fin dall’inizio dei lavori, se non addirittura prevedere la possibilità di sondaggi esplorativi preliminari per accertare l’entità del deposito archeologico, così da essere certi di non danneggiare strutture e non incorrere poi in costosissime misure d’emergenza per modificare il progetto in corso d’opera.
  • Il privato è tenuto a pagare le spese dello scavo archeologico, come previsto dalla normativa. Dato l’elevata probabilità di rinvenire reperti archeologici in un qualsiasi cantiere aperto in Italia, riteniamo che nel nostro Paese il rischio archeologico sia parte integrante del rischio d’impresa di una qualsiasi attività edile.
  • Qualora si rinvengano strutture archeologiche ritenute dagli esperti di particolare interesse, l’opera dovrebbe adattarsi alla tutela ed alla valorizzazione dei reperti, non viceversa.

Considerazione 3: “valorizzazione” e “mecenatismo”

Qualora un progetto dovesse effettivamente partire e nel caso (assai probabile) che siano rinvenuti reperti, vorremmo puntualizzare la nostra opinione sul significato di due parole molto usate nel descrivere la vicenda ex-consorzio: “valorizzare” e “mecenatismo”.

  • Valorizzare.  Pensiamo che valorizzare non significhi movimentare migliaia di metri cubi di terreno ad alto rischio archeologico per poi relegare gli eventuali reperti rinvenuti in un parcheggio.
  • Mecenatismo. Un privato che in un suo cantiere trovi reperti archeologici paga le spese di scavo perchè è un obbligo di legge, non per mecenatismo. Stanti le attuali condizioni di vendita ed il progetto preliminare dell’ufficio tecnico comunale, il privato disposto ad assumersi il costo del parcheggio (incluso quello archeologico), lo fa perchè nella sua gestione vede un margine affinchè il capitale investito sia remunerato: si tratta di profitto personale, è del tutto lecito, ma non è mecenatismo.

Documentazione ufficiale

Il nostro articolo si basa su documenti ufficiali a cui abbiamo avuto accesso attraverso la pagina web del Comune di Osimo. Riportiamo di seguito i documenti inerenti direttamente a quanto descritto in questo articolo:
[1] Progetto preliminare redatto dall’ufficio tecnico (pubblicato nel 2011)
[2] Parere della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici (2010)
[3] Alienazione del campetto dei frati (atto CC n.64 del 29-08-2012)
[4] Estratto dal verbale del consiglio comunale sull’alienazione (29-08-2012)
[5] Primo bando di selezione (13/12/2012)
[6] Secondo bando di selezione con riduzione del prezzo del 10% (21/02/2013)